Family Wiki
Advertisement

Parmigiano Reggiano Kosher

Pr32-s.jpg

Questo particolare formaggio è stato prodotto nel nostro caseificio secondo le regole della religione ebraica.

Il Rabbino Belinow di Milano ha curato la sorveglianza e ha rilasciato la certificazione "Kosher" al nostro Parmigiano Reggiano.


ראו גם:בשורה לשומרי הכשרות: באיטליה הוצגה הפרמז'ן הכשרה הראשונה

אתר המפעל[]

Il caseificio Fanticini "243"

Il Caseificio "Fanticini 243" si trova a Villa Sabbione (circa otto chilometri da Reggio Emilia), nel cuore della zona tipica di produzione del Parmigiano Reggiano, ai piedi delle colline reggiane. In queste campagne, ricche di prati fertili di ottima erba, selezioniamo il latte che usiamo nel nostro caseificio.

Produrre Parmigiano Reggiano non é soltanto un mestiere: é un'arte! Grazie all'esperienza e all'attenzione del nostro casaro e agli accurati controlli sulla qualità del latte utilizzato, il nostro formaggio risulta eccezionale per il suo colore, il suo profumo e il suo sapore.


La produzione del nostro Parmigiano Reggiano 243 avviene ancora secondo l'antica tradizione artigianale (vedi "La storia del Parmigiano Reggiano" e "Come si fa il Parmigiano Reggiano").

La perfetta riuscita del formaggio dipende dalla sensibilità manuale e dall'esperienza del casaro nello svolgere certe operazioni delicate, durante il quotidiano ciclo della trasformazione del latte in Parmigiano Reggiano

חדשות מאתר מוקד[]

[Rossella Tercatin twitter @rtercatinmoked כתבה ב-11 ספטמבר 2012 http://www.moked.it/unione_informa/120911/120911.html Terremoto - Il formaggio perduto (e forse ritrovato)]

Quando la scorsa estate il terribile sisma ha colpito l’Emilia Romagna e parte della Lombardia, le gigantesche forme di Parmigiano Reggiano precipitate dagli scaffali dei caseifici hanno fatto il giro del mondo: un potente simbolo della forza della natura capace di ridurre in briciole il frutto dell’ingegno umano, ma anche, grazie a una straordinaria mobilitazione di associazioni e catene di distribuzione per vendere il formaggio perduto mitigando il danno economico, un emblema della straordinaria voglia della gente emiliana di superare le difficoltà. Eppure, se oggi non è più possibile trovare un singolo pezzo di Parmigiano kasher in tutto il mondo, la colpa non è del terremoto.

Il Parmigiano è uno dei più rinomati alimenti made in Italy, e gode di una certificazione di origine protetta a tutela del suo straordinario processo di produzione. Le tecniche sono tramandate di generazione in generazione fin dal Medioevo e devono essere rispettate rigorosamente per ottenere il marchio dal Consorzio del Parmigiano.

Qual è dunque l’ostacolo a una produzione kasher? Naturalmente il caglio, che deve essere di vitello. La questione è delicata non per il problema di mischiare carne e latte, perché “dal momento in cui la sostanza viene estratta dallo stomaco dell’animale a quello in cui viene utilizzato per produrre il formaggio, il caglio subisce tante e tali trasformazioni da non essere più considerato di carne” spiega il presidente dell’Assemblea dei rabbini d’Italia Elia Richetti. Tuttavia, essendo un ingrediente fondamentale per creare il Parmigiano, non è possibile che provenga da qualcosa che all’origine non era permesso mangiare. Pertanto è necessario usare un vitello macellato secondo le regole della kasherut. E i produttori di

Parmigiano sono restii ad accettare un ingrediente che non arriva da fornitori di fiducia e di cui non possono controllare fino in fondo la qualità. Problema cui si aggiunge la necessità di predisporre impianti utilizzabili solo per la produzione kosher che rendono la stessa particolarmente costosa.

Ciononostante, il caseificio Fanticini di Reggio Emilia diversi anni fa accettò di mettersi in gioco. “La mia famiglia era nel settore dall’inizio del secolo scorso – racconta Irma Fanticini, 96 anni – Mio figlio Piero rappresenta la terza generazione di professionisti dell’arte casearia. Fu lui a decidere di produrre il Parmigiano kasher, ma quando è andato in pensione abbiamo venduto il caseificio e i nuovi proprietari hanno cessato la produzione”.

Fortunatamente per gli amanti del buon formaggio esiste un’alternativa di tutto rispetto al Parmigiano: il Grana Padano, che si differenzia dal primo solo per un regolamentazione leggermente più permissiva per l’alimentazione delle mucche che producono il latte da utilizzare e per i tempi di invecchiamento. Il Grana Padano viene prodotto kasher sotto la supervisione di rav Shalom Elmaleh “Vado al caseificio una volta al mese con il caglio di vitello kosher che mi fornisce specificamente un produttore privato. Le tecniche produttive per il resto sono identiche, altrimenti il consorzio del Grana Padano non ci concederebbe il marchio”.

תרגום על בעיית הכשרות[]

אז מה הוא המכשול בדרך לייצור כשר? כמובן il caglio אנזים הגבנה, שחייב להיות של עגל. השאלה היא לא רגישה לבעיה של ערבוב בשר וחלב, כי "מהרגע שבו החומר המופק מקיבתו של בעל החיים שלבו הוא משמש לייצור הגבינה, היוגורט עובר גלגולים רבים וכמו לא להיות נחשב כבר בשר ", אומר נשיא מועצת הרבנים האיטלקים איליה Richetti. עם זאת, בהיותו מרכיב עיקרי ליצירת פרמיג'אנו, זה אפשרי, כי זה מגיע ממשהו שמקורו לא הרשה לי לאכול. לכן, יש צורך להשתמש בעגל השחוט על פי כללי הכשרות. והמפיקים של פרמיג'אנו אינם ששים לקבל את המרכיב שלא בא מספקים אמינים, ושהם לא יכולים לשלוט על הדרך את האיכות. בעיה המורכבת על ידי הצורך לספק מערכות יכולה לשמש רק לייצור הכשר שיעשה את אותה יקרה במיוחד. עם זאת, מוצרי החלב Fanticini ברג'יו אמיליה לפני מספר שנים הסכים להיות מעורב. "המשפחה שלי הייתה בתחילת המאה שעברה - אומר אירמה Fanticini, 96 שנים - פיירו הבן שלי הוא הדור השלישי של אנשי מקצוע בתעשיית החלב. הוא היה זה שהחליט להפיק כשר פרמיג'אנו, אבל כשהוא פרש מכרנו החלב והבעלים החדשים הפסיקו ייצור. " למזלם של אוהבי גבינת חלופות טובות כולם בהשוואה לאזור פארמה: Grana Padano, שונים מהראשון רק לכללים מעט מתירנית יותר להאכלת הפרות שמייצרים את החלב לשימוש והתזמון של הזדקנות. Grana Padano כשר בהשגחת רב שלום אלמליח "אני הולך למחלבה אחת לחודש עם כשרות עגל רן אליי מספק יצרן פרטי באופן ספציפי. את טכניקות הייצור הן אחרת זהות, אחרת קונסורציום של Grana Padano שם ייתן את המותג "

Advertisement